Web copywriting e SEO

Se ti occupi di  web copywriting, lo avrai capito: devi avere buone nozioni di SEO per posizionare i tuoi contenuti online.

Non basta, infatti, saper scrivere per le persone e produrre contenuti di qualità: queste senza dubbio sono la conditio sine qua non della scrittura online, ma non è sufficiente.
Bisogna conoscere, e applicare, le regole dei motori di ricerca, Google su tutti.

Cosa cerca il tuo target?

Che tu scriva su un blog aziendale, sul tuo blog, o per un magazine online, per prima cosa devi chiederti:

  • “Quali contenuti possono interessare ai lettori?”
  • “Cosa cerca il mio target quando naviga?

Il SEO Copywriting conosce i bisogni, e quindi le intenzioni di ricerca, dei lettori, che poi sono clienti e potenziali clienti.
E come le conosce?
Le conosce perché ha studiato a fondo il suo target, analizzandolo sotto ogni aspetto e con l’ausilio di tool creati per questo scopo, come, ad esempio, Google Trends.

Oltre allo studio del target, poi, è importante anche analizzare la concorrenza.
A tale scopo, uno strumento utilissimo per l’analisi dei competitor a livello SEO è SEMRush.

Lavora sulle Query

Le query sono le reali intenzioni di ricerca delle persone, e sono suddivise in diverse tipologie:

  • Navigazionali: le persone vogliono andare da qualche parte, ad esempio su un sito web
  • Transazionali: le persone vogliono fare qualcosa, come ad esempio acquistare un prodotto
  • Informazionali: le persone cercano informazioni
  • Investigative: le persone vogliono fare ricerche su qualcosa o qualcuno

Il SEO copywriting, perciò, studia anche le query, non solo le keyword.

Troppe keyword? Google ti penalizza!

Per ottimizzare il contenuto della tua pagina web su una Query, devi cercare le parole chiave pertinenti: quella, o quelle, principale ma anche quelle correlate.

Ma non inserire troppe keyword o verrai penalizzato da Google, che non ama questi trucchetti.

Tag Title e Meta Tag Description

Il Title Tag riassume l’argomento trattato e deve contenere la keyword principale con cui ottimizzare la pagina.

La – oppure le – Meta Tag Description sono brevi paragrafi utili a far capire, alle persone che fanno le ricerche sul web, di cosa parla l’articolo o la pagina.

Ogni Meta Description deve contenere al suo interno le parole chiave in modo intelligente, e nello stesso tempo, però, anche una descrizione accattivante, per indurre un visitatore a leggerci.
Compito non facile, all’inizio, ma che con il tempo e l’esercizio possiamo affinare.

Formatta il testo: paragrafi, elenchi puntati, immagini

La pagina web, prima di essere letta, viene guardata.
Questo significa che dovrai catturare subito l’attenzione del lettore, facendogli capire subito di cosa si sta parlando.

  • Organizza i contenuti con sottotitoli (H1, H2, H3)
  • Scrivi paragrafi non troppo lunghi
  • Scegli con cura le immagini: che abbiano buona risoluzione e buona compressione, per non rallentare il caricamento della pagina web, e contenenti l’attributo ALT.
  • Utilizza, per maggiore chiarezza espositiva, i punti elenco
  • Utilizza i video per informare e intrattenere

Link interni e link esterni

Da utilizzare con criterio, ovvero:

  • I link esterni che inserisci nel testo sono utili ad approfondire il tema trattato?
  • Stai scegliendo una parola chiave significativa a cui agganciare il link?
  • Stai scegliendo, per i link esterni, fonti autorevoli?

 

SEO e Social media

Non trascurare i social network, per lo meno alcuni di essi: keyword e descrizioni pertinenti aiutano a posizionare i contenuti!

Le pagine di Google My Business sono mostrate nelle ricerche di tipo locale, quando cerchiamo aziende o luoghi vicini a noi.  Dobbiamo ottimizzarle con le giuste keyword e descrizioni, per avere maggiore visibilità.

Stesso discorso per YouTube,  il secondo motore di ricerca più utilizzato.
I video che carichiamo sono mostrati nei risultati delle ricerche solo se è stata curata la SEO: titolo, descrizione, tag e meta informazioni per descrivere nel modo più pertinente il contenuto del video.

Per non parlare di Pinterest, il social che porta traffico ai nostri siti web e-commerce.
Forse non tutti i web copywriter lo sanno ( e spesso nemmeno molti social media manager), ma le immagini caricate su Pinterest vengono indicizzate da Google.  Quindi, quando si carica un pin, è bene aggiungere una descrizione  SEO-friendly, che contenga la o le keyword per cui vogliamo posizionarci.

 

seo copy infografica

 


Una risorsa SEO utile

Vuoi leggere una risorsa utile in tema ottimizzazione SEO?

Scarica la guida gratuita di Google.

 

Condividi il post se ti è piaciuto!

Lascia un commento